Martina Franca

Le origini di Martina Franca risalgono, secondo gli storici locali, al X sec., quando sul Monte San Martino sorse un piccolo villaggio di profughi tarantini che fuggivano per sottrarsi alla ferocia dei saraceni. Nei primi anni del XIII sec., Filippo D’Angiò, Signore di Taranto, concesse al villaggio che si estendeva, una superficie più ampia limitandola con alte mura fortificate composte da dodici torri quadrate e da altrettante rotonde. Concesse anche agli abitanti alcune franchigie, particolarità che attribuì al nuovo insediamento l’aggettivo di Franca ed il nome Martina in onore di San Martino, patrono della Cavalleria francese. Lo stesso Filippo D’Angiò creò lo stemma della città. Nel XV sec. divenne feudo aragonese e nel XVI sec. ducato dei Caracciolo, nobile famiglia napoletana, che nella metà del XVII sec., fece costruire il Palazzo Ducale, sul luogo dove anticamente sorgeva il Castello degli Orsini. Nel 1646 i martinesi, guidati dal noto fabbro “Capo di Ferro”, insorgono contro i Caracciolo che riescono a difendere il feudo fino al 1827. E’ nel 1700 che Martina conosce il suo massimo splendore caratterizzato da una forte ripresa economica e da un nuovo e spettacolare aspetto urbanistico, visibile ancora in tutto il centro storico. Durante i moti repubblicani del 1799, i cittadini aderirono alle idee liberali sino all’Unità d’Italia del 1861.

Scheda

  • • Comune Martina Franca
  • • Provincia Taranto
  • • Codice postale 74015
  • • Abitanti 49.779
  • • Comuni confinanti Alberobello (BA), Ceglie Messapica (BR), Cisternino (BR), Crispiano, Massafra, Mottola, Locorotondo (BA), Ostuni (BR)

Nel presente sito Cisa S.p.A. fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione e quindi raccolgono informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori.

Proseguendo con la navigazione accetti l'uso dei cookie.