Ginosa

Ginosa, l'antichissima Genusia, posta a circa 240 m s.l.m., comprende un territorio di 18.706 ha; il suo ampio e diversificato agro spazia dal mare alle fertili pianure, estendendosi verso il dolce paesaggio collinare, fino alla murgia, interrotta dalla gravina che - snodandosi per circa 3 km - circonda a ferro di cavallo l'intero centro storico.

Diverse sono le ipotesi formulate sull'origine del nome. Secondo alcuni studiosi deriverebbe da Cnosso, capitale dell'isola di Creta, un tempo Gnusium, mentre un'altra tesi si fonda sull'omonimia con Genusus, fiume dell'antica Illiria.Le scoperte archeologiche hanno svelato l'esistenza di un insediamento indigeno databile intorno all'VIII sec. a.C..Dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente la città antica, un tempo ricca di piazze e chiese, sembra scomparire nel buio. Gli abitanti ritornano nella gravina, scegliendo un modello abitativo alternativo, il vivere in grotta, determinato dalle continue incursioni e favorito dalle condizioni geofisiche che consentivano di scavare facilmente il tufo. Ginosa, riemergerà nella storia durante il Regno Normanno con la costruzione del Castrum Genusius da parte di Riccardo Senescalco, nipote di Roberto il Guiscardo.

Intanto, lo sviluppo urbanistico cambiava direzione, spostandosi lungo la via che dai piedi del castello conduce alla cappella dedicata a S. Antonio da Padova, in un susseguirsi di cantine, vicoletti, spiazzali e palazzi che delineano la singolarità del centro storico ginosino.

Scheda

  • • Comune Ginosa
  • • Provincia Taranto
  • • Codice postale 74013
  • • Abitanti 22.802
  • • Comuni confinanti Bernalda (MT), Castellaneta, Laterza, Matera (MT), Montescaglioso (MT)

Nel presente sito Cisa S.p.A. fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione e quindi raccolgono informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori.

Proseguendo con la navigazione accetti l'uso dei cookie.